sabato 8 marzo 2014

Io sono emozione le parole di Eve Ensler ricordano che anche domani sarà l'8 marzo

di Amarganta Blue

Ha infranto un tabù: quello con cui si è soliti nominare "il segreto" delle donne, spesso definito con tutti i termini... tranne che con "quello". Forse perché ha un qualcosa di scientifico. O forse perché le donne, nella storia, sono sempre state quelle degli amori "angelicati" o degli amori carnali (a pagamento). Ma poi la parola è uscita dalla pagina, approdando a teatro.

VAGINA.

La vagina paragonata a una conchiglia, a un fiore, a un segreto violato (passatemi il gioco di parole) violentato... all'amore. Alle emozioni.
E nel Ventunesimo secolo, tra falsi moralismi, nell'Italia che ha fatto emergere scandali di feste ed escort, accostate alla necessità di essere brave ragazze (ovvero, sposarsi, avere un lavoro, fare figli e bla bla), reggono ancora molti tabù che non tengono conto di quello che le ragazze, le donne, sono. Di quello che non dicono, ma tengono racchiuso nel cuore. Ce lo dice Eve Ensler, che cito, senza recensioni. Un piccolo regalo, per ricordare che ogni giorno deve essere l'8 marzo.





Dall'incipit:


Cara Creatura Emotiva,
io so chi sei. Ho scritto questo libro perché credo in te. Credo nella tua autenticità, nella tua unicità, nella tua intensità, nella tua irruenza. Amo il fatto che ti tingi i capelli di viola, o ti tiri su la minigonna, o ascolti musica a tutto volume canticchiando in playback le parole di tutte le canzoni che hai imparato a memoria. Amo la tua inquietudine e la forza del tuo desiderio. Sei una delle nostre più grandi risorse naturali. Possiedi una capacità d'azione e un'energia irriducibili che se liberate potrebbero trasformare, ispirare e guarire il mondo.


Citazioni:

Accontentare, incarnare il desiderio o la volontà di qualcuno che non sei tu. [...] Se cerchi di accontentare gli altri, come puoi prenderti la responsabilità dei tuoi bisogni? Come fai anche solo a capire quali sono? Cosa devi soffocare dentro di te per accontentare gli altri? Io penso che questo renda tutto confuso. Perdiamo di vista noi stesse. Smettiamo di prendere posizione. Smettiamo di dirigere le nostre vite. Aspettiamo di essere salvate. Dimentichiamo ciò che sappiamo. Prendiamo per buono ciò che non lo è.

Perché tutti hanno molta più paura del sesso / che dei missili SCUD? | E chi ha detto che Dio non amava il piacere? | E se la famiglia nucleare eterosessuale è così meravigliosa | perché tutti la fuggono | o spendono i risparmi di una vita | per piangerci sopra chiusi in una stanza con uno sconosciuto?

Grandi aspettative | Ne ho tradite tante | Non sono la persona che vorrebbero | Mia madre vuole una famiglia perfetta | Io non credo nella perfezione | Perfetta nel mondo di mia madre: | Tutti dieci | Magrissima | Intelligente e felice | Bravissima in tutto | Io non so chi sono | Tagliarsi | Cercare di controllare | Tutto quello che mi crolla addosso | È diventato un sollievo.

È volgare e spaventoso | Una volta mio padre e mia madre lo stavano facendo nella stanza accanto | Credevo che mia madre stesse morendo | Può ucciderti | Può liberarti | Basta dire di no | Puoi dire di no | Non vorrai dire di no | È naturale | È sano | È peccato | I ragazzi lo vogliono più delle ragazze | Le ragazze lo vogliono più dei ragazzi | I ragazzi non sanno quel che fanno | È permesso solo quando si fanno i figli | Mia madre dice che è mistico | Vorrei che mia madre non dicesse niente | Conosci la tua vagina | È tua.

Io ballo per scomparire | Io ballo per sapere che sono qui | Io ballo perché sono arrapata | Perché è sacro | Perché voglio dimenticare | [...] | Io ballo perché tutto è possibile | Io ballo perché mi fa sballare | Perché è l'unica cosa | che non puoi togliermi | Io ballo perché mi tiene | lontana | dalle opinioni e dalle idee | di tutti gli altri | Io ballo perché | sanguino | sanguino | divento .

Mi sono messa a pensare a quanto sia difficile voler bene a Barbie così com'è adesso. È così rigida, con tutta quella plastica. Non ispira nessuna tenerezza. Non riesce nemmeno ad abbracciarti. Tu devi darti da fare per lei: devi adorarla, vestirla, comprarle delle cose. Lei vuole tutto. È avida e bisognosa. È così che ti inducono a spendere altri soldi.

Non è colpa di Barbie, sapete; lei non ha scelta. Tante persone la controllano, dal primo stampo in plastica fino all'ultimo accessorio. Per molti versi è persino meno libera di me. Lei non è in grado di andarsene.

Lotta per la tenerezza | Non reprimere i tuoi sentimenti | Piangi quanto vuoi | Fa' del mondo un teatro | e appassionati alla vicenda.

Da "Io sono emozione" - di Eve Ensler

Nessun commento:

Posta un commento