sabato 22 marzo 2014

Occhi di smeraldo, quando il poeta, Giancarlo Benzoni, "sogna" e ha nel cuore una ferita

di Amarganta Blue

L'amore, una cicatrice che ti sospende il cuore.
Il poeta-autore, Giancarlo Benzoni, lo vede scintillare in due occhi di smeraldo che lo avvincono nelle spire di un sentimento totalizzante. Occhi di smeraldo che danno il titolo a una raccolta di poesie, frutti del vissuto del Poeta. L'autore sparisce e, allo stesso tempo, s'intravede nel personaggio, che sembra essere uscito da un quadro di Magritte. Il Poeta appare come recluso nella scatola di una quotidianità di cui osserva gli spigoli fastidiosi (“corre per le strade la solita ipocrisia“) protendersi da un prisma eretto su migliaia di maschere sociali. E in questa reclusione, che però non ha nulla a che vedere con l'inettitudine letteraria del Novecento, si sprigionano parole, spruzzate di sentimenti che scorrono senza posa. E pose.


Apre la raccolta, il componimento che le dà il titolo.
Stanze di versi che culminano nella prosa,  immagini che compongono una sorta di film, in cui il lettore è catapultato. Segue, insieme al poeta, il flusso dei sentimenti che sgorgano come sangue da una ferita. La donna appare come un "Oscuro oggetto del desiderio", soltanto che il Poeta ci fa capire che tra lui e la meravigliosa creatura sussiste un legame reale, ormai ridotto ai minimi termini. Ne risulta un movimento di versi, simile a una corsa, verso qualcosa, anzi qualcuno, che ci sfugge e che non riusciremo (più) mai a raggiungere. 
Tecnicamente, il componimento è inusuale: leggiamo versi che raccontano in maniera diffusa la situazione del Poeta, che, coraggiosamente, alterna la prosa alla poesia.“Coraggiosamente”, perché il lettore è ormai abituato a componimenti brevi sulla scia, sia di una rarefazione del verso, che sull’influenza dei nuovi media. Ma i versi (e, successivamente, il racconto) scivolano via, agili, come i pensieri. E sul finale c’è ancora lo sguardo, un abbraccio, un sogno che si sospende.
Dopo Occhi di smeraldo, i componimenti proseguono, tra versi e prosa, per un poeta diviso tra la routine (“l’opaco strimpellare della settimana“), la “grandezza”, a tratti carica di fascinazione, d’amore o di crudeltà (in base ai momenti e alla percezione dell’osservatore) della donna (“apri quel muro sgretolandone la porta o/giri la chiave e lentamente ti allontani/verso ciò che gli umani sussurrano/ vivere…), lo sguardo che predomina, insieme a una sensualità di cui le parole sono intrise. Si tratta di una sensualità diffusa, ma non invasiva, espressione della purezza del sentimento che, inevitabilmente, nell'amore si fa anche carne.
E chi è il Poeta? Un sognatore,  ”un uomo di sentimento” che, con un linguaggio talvolta ricercato, talvolta più immediato, struggente, percorre un labirinto semplificato dal battito del cuore. Il Poeta ha anche la percezione di un mondo carico di contraddizioni e tensioni nemmeno troppo sotterranee. Sogna, perché spera, nel sogno, di trovare l'autenticità che il mondo non potrà mai dargli.
A volte l'autore ripete i concetti, qualche componimento riporta elementi già sentiti, ma il cuore si racconta con una sincerità pulita, ben oltre gli artifici della tecnica carica di preziosismi, ma congelata da un atteggiamento compiaciuto, espressione di un vuoto manierismo.

L’autore: Giancarlo Benzoni, milanese doc, è il libraio-poeta. Nel 2002 ha pubblicato Anadema le Teste Pensanti e nel 2012 una raccolta di poesie nel volume curato da Gianluca Veltri Poesie di AA.VV. Occhi di smeraldo è edito da Madonini Editore e lo si può trovare sia in formato e-book che in formato cartaceo. Info acquisto: www.latramite.com.

Alcuni siti per l'acquisto dell'e-book e del cartaceo:
http://www.lafeltrinelli.it/products/5213687064295/Occhi_di_smeraldo/Giancarlo_Benzoni.html

http://www.amazon.it/Occhi-di-smeraldo-Giancarlo-Benzoni-ebook/dp/B00CTX2NLU/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1395500801&sr=1-1&keywords=occhi+di+smeraldo

http://www.ebookizzati.it/ebook-occhi-di-smeraldo-giancarlo-benzoni-madonini-editore-idprd477454.html

http://www.eglifo.it/card.php?code=poesie



Nessun commento:

Posta un commento