venerdì 14 marzo 2014

Selfie, l'autoscatto in salsa anglofila - Parole e attualità

di Lola Words

Dammi 3 parole
Selfie - Narcisi - Media
Prendi un cellulare, fatti un autoscatto, postalo dove vuoi e... il Selfie è servito.
Tutto esplode con il Selfie stellare, durante l'ultima Notte degli Oscar: il gruppetto di divi e dive di Hollywood si stringono e scintillano sorrisi. E, ovviamente, i media si scatenano: ecco che le star griffatissime e lustrate per l'evento degli eventi, fanno qualcosa che si associa ai "comuni mortali". Loro, che solitamente sono immortalati dagli scatti di David LaChapelle o di una Annie Leibovitz, si fanno riprendere dall'obiettivo di un telefono cellulare, rinunciando per una volta a foto ritocchi e alle luci che meglio evidenziano i profili migliori e nascondono i difetti.


E dopo la Notte degli Oscar, Selfie diventa la parola dell'anno. Sfogli le riviste, anche le più prestigiose, ed è una sfilata di Selfie; che tradotti nella nostra lingua, altro non sono che autoscatti effettuati soprattutto con iPhone e altri dispositivi hi-tech. Un'azione che non ha nulla di nuovo: tante dive, starlette e prezzemoline più o meno prezzolate o da deprezzare, postano sui vari Social i loro autoscatti. Lo fanno da tempo, esibendo la loro bellezza, o il bacio con il boyfriend del momento o con quello che chiamano il loro grande amore. Manna, insomma, per i cultori del gossip più mondano.
Poi arriva la squadra dei divi e delle dive del Grande Schermo, e il fenomeno fa boom, venendo presentato come una grande novità.
Così il Selfie viene consacrato, prima come fenomeno mediatico, poi come fenomeno di costume. Selfie, lo slang che ormai è entrato di prepotenza nel nostro vocabolario, rimpiazzando il desueto "auto scatto". E i media nostrani, dimenticano gli articoli che possono essere scritti su giovani precari e meno precari, sui disoccupati che cercano un posto al sole per dare da mangiare ai propri figli, sul futuro che si vede con il binocolo, su un sistema sociale che barcolla, sulle priorità reali e sui drammi di gente che magari non ha nemmeno i soldi per comprarsi il pulsante di un cellulare, perché prima deve lottare per la sopravvivenza...  Eppure questo Selfie, che ricorda un po' il chi fa da sé, fa per tre e che diventa e fa notizia, senza in realtà essere nulla di nuovo, se non la molla per parlare sempre di "altro", ricordandoci che siamo un po' tutti (umanamente) narcisi.

Nessun commento:

Posta un commento