martedì 26 agosto 2014

Le "Guerre segrete" di Stephen Gunn: ancora lavoro per Chance


di Roberto Baldini

Ancora lavoro per Chance...

Non è male essere il protagonista di storie d’azione, però ogni tanto un po’ di relax ci vuole, no? No? Ok, non insisto…
Una missione in un luogo sperduto, come al solito. Una terra senza legge, in cui vige la regola del più forte…
Una nazione in cui miliziani, terroristi e contractors non lesineranno violenza e armi che vomiteranno proiettili a oltranza. Insomma, casa dolce casa, per il Professionista… Quale sarà la causa scatenante di questa missione al limite dell’assurdo? Presto detto: diamanti. Diamanti purissimi, un carico che farà gola a tanta, troppa gente…

Da Amsterdam a Praga, da Londra a Gangland, per poi  finire in Kazakistan…
Il Professionista e la sua Squadra, un manipolo di anime tormentate che riescono sempre a cavarsela, anche quando la situazione sembra disperata e si ritrovano con le spalle al muro. Tutto per poter tornare a casa, ammesso ne abbiano una...
Un flashback narrerà di una missione in Congo negli anni ’60, gli anni di Renard (riferimento al Roman de Renart?). Non Chance, bensì Robert Renard, suo padre, meglio noto come la Volpe

Stephen Gunn (al secolo Stefano Di Marino) ci propone l’ennesima storia colma di azione, passione e adrenalina. Mi chiedo come riesca, volume dopo volume, a inventare vicende intriganti che riescono a tenermi con il fiato sospeso, in attesa dall’epilogo (si spera) felice.
Se avete impegni, non iniziate a leggere le storie di Stephen, vi farete odiare da mariti/mogli/amici/parenti…

Il consiglio rimane sempre lo stesso: poltrona comoda, il vostro drink preferito e le storie del Prof. Esiste qualcosa di meglio?

Scheda tecnica del libro
 
Guerre Segrete
di Stephen Gunn
Editore: Mondadori
Collana: Supersegretissimo
Anno: 2010
Pagine: 277
Euro: 5,50
ISBN: 9771123077002


Nessun commento:

Posta un commento