lunedì 6 ottobre 2014

Calabuig, al debutto un nuovo marchio editoriale pensato per "i classici del futuro"

Goli Taraghi
da Roberta De Tomi

Il romanzo luminoso dell'uruguaiano Mario Levrero e La signora del melograno della persiana Goli Taraghi, saranno i primi titoli pubblicati da Calabuig, nuova realtà che si affaccia sul mercato editoriale italiano, portando una ventata di freschezza, all'insegna della qualità. I nomi sono di calibro internazionale: da Dominique Fabre, a Kazushige Abe, passando per Hebe Uhart, Murray Bail e altri autori "classici del futuro".


Una sfida importante, all'insegna della qualità.
Calabuig è una realtà che, come rilevano gli editori, Vera Minazzi e Sante Bagnoli (Jaka Book), mira a far scoprire ai lettori nostrani, narratori inediti contemporanei e della Seconda metà del Novecento; penne preziose che tracciano nuovi e indelebili solchi nell'olimpo della letteratura classica contemporanea. Si aprono quindi spiragli su mondi inesplorati, consentendo di percorrere nuovi itinerari culturali.

La scelta del nome, Calabuig, si accoda alla vision e alla mission degli editori; è infatti un termine ad alta capacità evocativa, e compare in un lavoro di Roberto Vecchioni, Calabuig, stranamore e altri accidenti; inoltre è il titolo di un film del 1956, scritto da Ennio Flaiano e diretto da Luis Garcia Berlanga.

Come rileva anche la direttrice editoriale, Mariarosa Bricchi: “Proporremo storie di terre prossime e lontane racconti dall'Europa, dall'America, dall'Africa, dall'Asia, selezionati per l’eccellenza nella scrittura e per la capacità di riaccendere il gusto e il desiderio della lettura”.

Il debutto è fissato per il prossimo 23 ottobre, con la pubblicazione de Il romanzo luminoso di Mario Levrero, eclettico artista e autore uruguaiano e La signora del melograno di Goli Taraghi, signora della letteratura persiana.  Tra gli autori, non mancheranno altri maestri del panorama internazionale: il francese Dominique Fabre, il giapponese Kazushige Abe, l'argentina Hebe Uhart, l’australiano Murray Bail. E, ancora, Szép Ernő, Yusuf Atilgan e Sonallah Ibrahim.

Fonte: Ufficio Stampa - Ex Libris Comunicazione

Nessun commento:

Posta un commento