domenica 21 dicembre 2014

Un giro "Alla fiera" per scoprire la seduzione di Sonja Radaelli

Sonja Radaelli, quarta classificata al
Contest "La mia seduzione"

di Sachi Osti Merizzi

Un racconto che spicca per la sagacia... è quello di Sonja Radaelli, partecipante al Contest "La mia seduzione", che si è collocata al quarto posto della graduatoria.
Alla fiera narra una situazione piccante, ma è anche la dimostrazione che, come dice Sonja, milanese doc, classe 1960 con la passione per la scrittura, "non sono solo le gnocche a sedurre".
Tra i lavori della nostra autrice: Una moglie imperfetta (edito da Ass Akkuaria).
Per leggere Alla fiera sul Blog di HOW2 Edizioni, clicca qui.




Sonja Radaelli ha già all'attivo alcune pubblicazioni
Ciao, Sonja, benvenuta. Raccontaci qualcosa di te. Parlaci delle tue passioni, dei tuoi interessi, dei sogni… 
I miei genitori mi hanno insegnato molte cose, tra tutte il principio per cui “La libertà è un dovere prima di un diritto. Sii onesta, laboriosa, curiosa, responsabile, rispettosa, ragiona con il tuo cervello e ricorda che tu sei preziosa”. Queste sono le parole che accompagnano la mia vita. I sogni ci rendono liberi, le parole e le immagini sono i mezzi con i quali intendo trasmettere questo principio anche ai miei figli.

Per quale ragione hai deciso di partecipare al Contest for Words “La mia seduzione”?
Per il piacere di confrontarmi con altri autori e per curiosità.

Com’è nato il tuo racconto?
Ero ad una “Fiera” di paese, dove tutti si erano dati un gran da fare, con allegria, cimentandosi in una gara culinaria.

In Alla fiera, che cosa hai voluto raccontare?Quanto ci si può divertire, sfatando il mito che solo le “gnocche” sono in grado di sedurre.

Quanto ci hai messo a scriverlo? È stato il frutto del momento, era già da qualche parte, nel cassetto o in testa, o è nato lentamente?Circa dieci minuti in un momento della giornata in cui mi sentivo particolarmente allegra.

Quanto c’è di te in questo tuo lavoro?
Nulla e tutto. Di certo la mia indole ironica ha avuto la meglio ipotizzando una scena come quella che ho descritto.

Che cos’è per te la seduzione?
Un piatto che va consumato subito, nessun rimpianto, nessun limite, basta crederci.

Uomo o donna… chi seduce chi e come? O dipende dalle situazioni?
Ho visto uomini perdersi delle occasioni, sono timidi e impacciati. Le donne vanno al punto e sono più belle, non c’è storia!

La capacità di sedurre viene da dentro o si può imparare?
Si può imparare. L’esperienza e un briciolo d’incoscienza fanno il resto. Il rifiuto è sempre in agguato e può far male.

Dacci una tua definizione della seduzione in un massimo di tre parole…
Io non ho paura. Sono quattro va bene lo stesso?

Vanno bene anche quattro, tranquilla! E infine… cosa vuoi aggiungere?
Ringrazio Roberta De Tomi, i ragazzi di HOW2 una piacevole sorpresa, resto sempre affascinata quando giovani talenti impiegano il proprio ingegno per avvicinare tutti alla scrittura e alla lettura e alla concezione di libertà attraverso la parola scritta.

Un saluto caloroso e… alla prossima!

Ecco il link per leggere Alla Fiera: http://www.how2edizioni.it/alla-fiera-sonja-radaelli.html

Nessun commento:

Posta un commento