martedì 14 aprile 2015

Con "Cinquanta sfumature di grigio", per E.L. James, non è soltanto "question of lust"

di Roberta De Tomi

Non credevo che mi sarei trovata a recensire il primo capitolo (e prossimamente gli altri due) della trilogia di E.L. James, e invece eccomi qua. Parlo di un successo planetario, nonché di un romanzo che ha sollevato (come capita per ogni caso editoriale) uno, anzi più di un vespaio. In primo luogo, per i contenuti erotici che strizzano l'occhio alle pratiche BDSM, pur discostandosene fortemente, se non nettamente; in secondo luogo, per la qualità letteraria su cui aprirò un piccolo spiraglio di riflessione in considerazione del target cui il romanzo si rivolge principalmente; in terzo luogo ma non in ultima istanza (al contrario mi sembra la questione di rilievo) si pone una problematica centrale, condensabile nel seguente, muliebre quesito: "Lui mi ama ergo, cambierà per me?"

Metti Ana (Anastasia Steele) una ragazza poco più che ventenne, timida, impacciata e... illibata. Metti Christian Grey, rampante imprenditore che incarna l'apoteosi del sogno americano. Un giovane talmente perfetto, che Brad Pitt a confronto sfigura. E ora, prendiamo il caso che si mette sulla strada di questi due giovani, facendoli incontrare. La passione scocca al primo sguardo e per Ana è come sprofondare in un sogno meraviglioso. Ma ecco che qualcosa si frappone fra i due. Il passato di lui, che lo porta a intrattenere con le donne relazioni singolari basate sulla sottomissione e sulle correlate pratiche sadomaso. Anche per Ana sembra non esserci molta scelta; la ragazza, innamorata pazza del suo Principe Azzurro, accetta le condizioni della relazione, ma ben presto, qualcosa s'incrina; accade nel momento in cui lei si ribella alle pratiche dell'amante. E gradualmente capiamo che Christian nutre un sentimento particolare per Ana. Questo sentimento lo mette in conflitto con se stesso e con quel passato da cui sembrava non prescindere in precedenza. E' forse l'amore, quel folle sentimento che (al solito) tutto sembra cambiare in maniera improvvisa, sconvolgendo schemi e vecchie abitudini?

Abbiamo tutti gli elementi in fila per una storia d'amore e di tormenti in cui spicca la componente erotica. L'autrice non lesina nella resa dei dettagli più piccanti anche se, rispetto alle reali pratiche BDSM, qua ci troviamo in una dimensione "all'acqua di rose". La componente sessuale "prende" il lettore, ma non propone nulla di veramente nuovo; dal punto di vista del valore letterario, non possiamo certo paragonare Cinquanta sfumature a capolavori del genere, laddove già con De Sade, ad esempio, si sono varcati confini di un pudore al limite del trash-gore. Va però detto che la James ha saputo impastare molto bene il già visto, inserendolo in una vicenda dalla trama già sentita (ma che funziona sempre); una vicenda nata per far sognare i lettori ma soprattutto le lettrici, in un'epoca di boom dei romance.

La lettura può estasiare lettori e lettrici poco avvezze a leggere Charles Bukowski o Anais Nin e altri grandi autori e autrici del genere; il discorso cambia se a sfogliare il libro è un lettore forte, che potrebbe storcere il naso in presenza di ricorrenti cliché letterari presenti.

Risultano "clichettari" anche i personaggi: Ana sembra rappresentare lo stereotipo della gentil donzella disponibile a donare la propria virtù soltanto all'uomo perfetto. Timidezza per timidezza, sembra strano che nel Duemila, una giovane donna, americana, e con il desiderio di indipendenza, arrivi a vent'anni ancora vergine; ma la cosa più inverosimile è che, ad atto avvenuto, ecco che in un baleno l'ex-pulzella si trasforma in una replicante di Sasha Grey; forse più dolce dell'ex pornostar, ma il concetto rende l'idea... 
Christian è invece il Principe Azzurro delle fiabe e di molte opere di genere romance: fisicamente perfetto, istruito, ricco, potente, in pratica una sorta di Ken, anche se a differenza del fidanzato di Barbie, e lo dico senza remore, il nostro Principe dall'animo sfumato non è sicuramente asessuato... E da questo non essere asessuato si scorge ciò che rende il giovane interessante. Non tanto per le particolari preferenze tra le lenzuola, quanto per le ragioni che lo portano ad avere questo tipo di preferenze. Mano a mano che procediamo nella lettura e superato lo shock relativo alla scoperta della reginetta del sesso laddove prima avevamo una timida "suorina", Grey si rivela molto più interessante di come ci è apparso a prima vista; questo a causa di un vissuto traumatico che l'ha totalmente segnato nell'animo e nel cuore.. E da questo vissuto da scoprire, ecco che scatta quel meccanismo che è anche il perno attorno al quale verte la vicenda: l'amore che induce un  uomo a cambiare per la sua donna.

La locandina del film
tratto dal libro di
James
 L'amore come redenzione: un tema onnipresente nella letteratura, che costituisce la chiave del successo di Cinquanta sfumature. Regalare ai lettori una storia erotico-sentimentale in cui si spossa sperare nel trionfo dell'amore e soprattutto nel cambiamento di lui. Quante volte, nella realtà, si spera che un uomo cambi per una donna, ma ciò non avviene? Il romanzo della James rappresenta la corsa verso un obiettivo che è anche sogno o, sarebbe meglio dire, un'utopia d'amore. Banale, trita, ritrita? Forse o di sicuro.. il Principe Azzurro dona alla sua principessa tutti i confort, ma al contempo, la sua principessa vorrebbe essere la sua salvatrice. Malgrado le diverse incongruità che lo caratterizzano, anche il personaggio di Ana diventa più interessante (anche se non mi entusiasma) mano a mano che procediamo nella lettura. Certo a tratti è melensa, soprattutto quando ribadisce i concetti relativi alla bellezza del suo amante; forse era più simpatica nei panni della ragazza impacciata che abbiano conosciuto all'inizio, ma alla fine arriviamo a comprendere la sua posizione di innamorata che farebbe di tutto per il suio innamorato. Biasimandola, ma anche apprezzandola o stimandola per quel sentimento che la porta a trascendere i giudizi relativi alle stranezze di Christian.

Sorvolo, almeno in questa sede, sulla questione femminile/femminista per lasciare spazio ad altre considerazioni relative ai capitoli successivi della trilogia della James. Questa saga è sicuramente un termometro dei  nostri tempi. Cinquanta sfumature di grigio è figlio di un'epoca in cui il successo commerciale nasce dalla capacità di realizzare sogni impossibili. E' come regalare un sogno per evadere dalla realtà allontanandoci anche dall'impegno e dallo sforzo intellettuale o sociale (soprattutto collettivi e condivisi) seguendo un trend indicato da una consistente fetta dell'editoria.

In sintesi
Cinquanta sfumature di grigio non è un capolavoro erotico, né compete a livello di stile e di trama con alcuni classici (e meno classici) del genere. Nemmeno la componente sadomaso è così scandalosa rispetto a com'è stata dipinta da media e voci di corridoi. Si tratta di un libro ben confezionato, ma che alla fine non propone nulla di veramente nuovo, se non una storia finalizzata all'evasione. Lo stile, semplice e immediato, condito da alcune metafore e immagini alquanto banali,  non ha alcuna peculiarità, anche se i dialoghi hanno una discreta costruzione e le emozioni trapelano grazie all'azzeccato punto di vista. Si tratta di una lettura piena di rassicuranti difetti e cliché. Oltre al personaggio di Grey, la forza di questo libro non sta tanto nella componente erotica, che indubbiamente ha un ruolo importante, quanto nella sua capacità di assecondare (e lo fa davvero bene) il sogno accarezzato dalla maggior parte delle donne: vedere un uomo cambiare per loro, grazie all'amore. A questo punto, il quesito: l'amore trionferà veramente apportando il cambiamento sperato? La risposta sembra servito sul piatto, ma ci aggiorniamo alla recensione del secondo capitolo della trilogia.  

L'autrice: E.L. James

Lavora come TV executive ed  è riuscita ad affermarsi in tutto il mondo come scrittrice, sogno accarezzato da anni e dichiarato anche sul suo sito. E' autrice della trilogia delle Cinquanta sfumature che nel mondo ha venduto, stando a stime recenti, 85 milioni di copie. Trilogia che divide critica e pubblico e che continua a far parlare di sé.

Scheda tecnica del libro

Cinquanta sfumature di grigio
di E.L. James
Casa editrice: Mondadori
Collana: Oscar
Pagine: 623
ISBN: 9788804623236

Nessun commento:

Posta un commento