mercoledì 22 aprile 2015

"Stelle cadenti" che si accendono al ritmo del Gruppo Led, giunto al quindicesimo anno di attività. E il musical è "inedito".

di Roberta De Tomi

Quindici anni e, come si suol dire, non sentirli: nemmeno il terremoto del maggio 2012 li ha fermati, segno che "the show must go on". E l'entusiasmo, la bravura, la voglia di fare, alla fine premiano sempre. Come nel caso di Stelle cadenti: il musical, andato in scena sabato 18 e domenica 19 aprile al Teatro Auditorium di Poggio Rusco (Mantova) conferma la freschezza, l’entusiasmo e la passione del Gruppo Led. Formazione che ha portato in scena uno show basato, per la prima volta nella storia del Led, su un copione inedito. Il risultato? Più che buono... e lo spettacolo si accende!



L'allestimento di Stelle candenti è stata un’occasione celebrativa molto speciale per il Gruppo Led, giunto al quindicesimo anno di attività. Non soltanto perché ha visto tornare sulla scena alcune delle sue colonne portanti, ma anche perché lo spettacolo si basa su un un ottimo copione inedito, scritto per l’occasione da Giulio Manicardi. E improvvisamente il pubblico si trova catapultato nelle atmosfere di una Broadway contemporanea rivisitata ma non troppo corretta, nel suo essere correttissima dal punto di vista performativo.

Ovviamente, non svelo troppo della trama: Lewis e Clark sono due vecchie glorie del palcoscenico in rotta da diversi anni. Ma il loro incontro non è più procrastinabile, visto che il nipote-agente di spettacolo di uno dei due opera affinché, dopo anni di latitanza, tornino in scena per riproporre il loro numero storico, accompagnati dalla fascinosa soubrette, Rita. Nel frattempo, tra il nipote del comico e l’infermiera dello zio, la procace Miss Montgolfier, scocca una scintilla d’attrazione che contribuirà a rendere la vicenda particolarmente vivace e ricca dal punto di vista dell’intreccio, che vede protagonisti altri personaggi vincenti e ricchi di verve.

Basato su un copione inedito, brillante e ricco di citazioni e riferimenti più o meno indiretti (da La strana coppia a Luci della ribalta, passando per Viale del tramonto) Stelle cadenti è un omaggio tenero e allo stesso tempo scintillante al palcoscenico. In esso confluiscono alcuni dei numeri musicali proposti dal Gruppo Led nelle precedenti produzioni e opportunamente rielaborati all'interno di questo nuovo spettacolo, fino allo scoppiettante finale di One (A chorus line) con una chiusura all’insegna della Disco Music/Dance.

In scena il collaudatissimo duo Simone Ferri e Giulio Manicardi, i bravissimi Fausta Negrelli (che continua a incantare il pubblico anche con la sua splendida voce), Francesca Formigoni Loris Manicardi... ma l'elogio è dovuto a tutti i componenti del LED, storici e new entry (vedi l’elenco in foto) che hanno acceso lo spettacolo. Ricordiamo, sia sulla scena sia dietro le quinte (anche in questo caso, vedi la locandina). Le parti recitate e quelle musicate si alternano in maniera fluida, il cantato, il recitato e il ballo si integrano molto bene, regalandoci diverse gradazioni di emozioni, tra risate, sorrisi, romanticismo e qualche tocco di malizia sempre ben dosata.

Qualche inghippo tecnico non blocca lo spettacolo che, anzi, prosegue a spron battuto fino al finale. Due ore che volano veramente. E al termine dello spettacolo, applausi conditi da meritatissimi “Bravi” accolgono i ragazzi di un Gruppo che, sulla scena e dietro le quinte fa spettacolo con una passione che dura da quindici anni. L’augurio è che i Led ci regalino altri spettacoli, magari altri inediti… le idee ci sono e così il talento, nonché un'organizzazione che non ha nulla da invidiare ai professionisti!

E mentre aspettiamo un altro musical, edito o inedito (chissà?), se capita, godiamoci ancora Stelle cadenti. Se capita qualche replica e potete andare a vederla... andate!


Potete trovare qua il Gruppo Led: http://www.gruppoled.com/



Nessun commento:

Posta un commento