domenica 31 maggio 2015

"Dove scorre il male": tra passato e presente, Fabio Mundadori è autore di un giallo avvincente, dalle tinte notturne

di Roberta De Tomi

"La realtà non esiste. Esistono diverse percezioni di uno stesso evento." La molteplicità dei punti di vista e la moltiplicazione degli eventi, in bilico tra il presente e il passato, caratterizzano Dove scorre il male (Damster Edizioni), romanzo in cui Fabio Mundadori dimostra di trovare una propria dimensione nel Giallo. Il libro rappresenta la conferma di un autore capace di gestire una materia narrativa disseminata di eventi e di indizi, sorretta da un buon ritmo; un ritmo che non ha la frenesia, a tratti eccessiva, di certi thriller a stelle e strisce, ma che mette il lettore a proprio agio. Inoltre, il romanzo di Mundadori apre ampi spiragli sull'attualità, ma anche sulle origini del male, senza però perdersi in facili sofismi; al contrario, a lettura terminata, nella testa aleggiano molti interrogativi, lasciando una forte traccia. E così l'autore fa centro. Vediamo come.

venerdì 29 maggio 2015

Laura c'è: negli occhi di un'Accompagnatrice (ma con altri titoli ed esperienze) che cerca di sfuggire alla condizione di Neet

di Roberta De Tomi

La chiamerò Laura, anche se il suo nome è un altro. La sua è una di quelle storie che lasciano il segno.
Non tanto perché si tratta di una storia inedita; al contrario,  di storie come le sue ne troviamo a bizzeffe. Ma credo che nel contesto del discorso che stiamo portando avanti, sia emblematica. Essa rappresenta infatti il termometro di una condizione in cui si rischia di sprofondare, dopo avere toccato il fondo; la storia di Laura dimostra, infatti e ancora una volta, l'ipocrisia dilagante, associata alla situazione della #GenerazioneNeet. Il meccanismo è semplice: basta fare finta di nulla e i problemi non esistono. E' anche la grande lezione dei media: quando tu smetti di parlare di qualcosa o di qualcuno, questo qualcosa o questo qualcuno automaticamente smette di esistere. Nella realtà dei media ovviamente. La realtà concreta, quella fatta di persone e non di selfie e di divismi sciommiottati, è ben diversa. Laura a un certo punto del suo percorso di ricercatrice instancabile di un lavoro,  ha ceduto alla disperazione: ha risposto a un annuncio in cui era richiesta un' Accompagnatrice. Accompagnatrice... si dice così, ma poi si scopre il sottobosco variegato cui questa parola è strettamente correlata. Per il caso di cui andiamo a parlare, essa costituisce il ripiego per agevolare la fuga disperata dalla condizione di Neet. Giusta, sbagliata? Non deviamo il discorso imboccando la strada dei moralismi più beceri che di certo, affossano i problemi, anziché risolverli. Parliamo di Laura. Una che è tutto, tranne che una "Bambocciona".

lunedì 25 maggio 2015

Teatro-Cucina: Teatro in Polvere porta in scena il cibo, metafora della vita, veicolo di emozioni

Un momento dello spettacolo-evento
"Teatro-Cucina"
di Words!

Quando il cibo incontra il teatro, il risultato trascende le mode, concretizzando l'idea di sinestesia postulata dalle drammaturgie novecentesche (tese a recuperare pratiche in auge tra il XV e il XVII). Teatro-Cucina (Intrattenimento Conviviale in Cinque Atti e Due Portate), si pone nel solco di un'intenzione che sulla scena si realizza felicemente, da quindici anni, grazie all'attività creativa di Teatro in Polvere, che propone l'evento-spettacolo giovedì 28, venerdì 29, sabato 30 maggio presso l'Atelier Teatro in Polvere di via Bastia 15 (Zona Ripamonti) a Milano. (Info e prenotazioni, qui).  


Tamara V. Mussio si racconta: dall'Associazione gli Spaccia Lezioni al libro umoristico "Parla che ti ascolto (... forse)", la Cultura è la sua mission

Quattro (e più) chiacchiere con
Tamara V. Mussio, autrice di
"Parla che ti ascolto" (...forse)
di Roberta De Tomi

La sua passione principale è la lettura, ma la scrittura è stata un'occasione per portare sulla carta stati ed emozioni. Parole d'inchiostro plasmate nel tempo di una ricerca che pone la Cultura al centro della sua attenzione (e della sua mission). Tamara V. Mussio, Presidente dell'Associazione Culturale Gli Spaccia Lezioni (visualizza il sito qui) è autrice di Parla che ti ascolto... (forse) (TAAC!BOOK! Publishing), un lavoro che spalanca una voragine sulle manie e sulle ossessioni della nostra Società. Ma lasciamo la parola a Tamara che sulla Cultura ha le idee chiare!

martedì 19 maggio 2015

"Vedrai chi sono - La nascita dell'uomo": tra battaglie e viaggi nel tempo, la Storia rivisitata da Lorenzo Carbone

di Roberta De Tomi

Tre mercenari assoldati da un losco signorotto, una guerriera detta l'Angelo Muto, una battaglia combattuta da forze oscure; un viaggio nel tempo, e la Storia che irrompe nel romanzo, concretizzandosi in figure realmente esistite, ma "rivisitate e corrette" dall'autore. Lorenzo Carbone (per leggere l'intervista e vedere la scheda del libro, clicca qui) si cimenta in una prova tutt'altro che semplice in cui, malgrado l'impegno profuso e le buone intenzioni, si avverte la penna dell'esordiente che deve ancora trovare un proprio stile.
Detto ciò, andiamo a conoscere il romanzo fanta-storico Vedrai chi sono - La nascita dell'uomo  (Youcanprint).

lunedì 18 maggio 2015

"Nightwalkers - I figli del tramonto": la scelta tra il bene e il male si dipana attraverso una scrittura asciutta, ma ricca di citazioni, in un romanzo "molto americano"

di Roberta De Tomi

Jude e la scelta tra il Bene e il Male (e tra due amori). Lo schema è collaudato e ricorrente nel genere fantastico (e non solo). Che sia fantasy, urbanfantasy, horror, ci troviamo di fronte a un classico. Con Nightwalkers - I figli del tramonto (Sperling&Kupfer) sequel de Il bacio di Jude (dello stesso editore), Davide Roma, autore che abbiamo incontrano alcune settimane fa (leggi l'intervista, qui) ha applicato lo schema citato, sviluppando una trama dal ritmo avvincente, ricca di citazioni e di una verve "molto americana".


venerdì 15 maggio 2015

Mantova, capitale di poesia: il 22,23, 24 maggio si terrà la prima edizione del Festival Internazionale di Poesia Virgilio 2015

dallo Staff

Quarantasette poeti di sette differenti nazionalità approderanno alla prima edizione del  Festival Internazionale di Poesia VIRGILIO 2015, in programma per il 22, 23 e 24 maggio a Mantova. Realizzato nell'ambito del progetto POESIATERRADIVIRGILIO (vedi il Sito cliccando qui), l'evento è organizzato da un comitato composto da Stefano Iori (giornalista e poeta, delegato dall’Associazione La Corte dei Poeti), Paolo Aldrovandi (poeta), Andrea Garbin (poeta e presidente dell’Associazione Culturale Movimento dal Sottosuolo). Ecco il programma.

mercoledì 13 maggio 2015

Sfogliando il "De Profundis", si viaggia alla scoperta del Cimitero delle Fontanelle e dei suoi culti ancestrali

Alla scoperta del Cimitero delle Fontanelle
di Roberta De Tomi

No, non è passione per il macabro fine a se stessa. Il De Profundis (Logos Edizioni) è un viaggio fascinoso nel Cimitero delle Fontanelle, alla riscoperta di atmosfere ancestrali legate al culto delle anime del Purgatorio. La storia di questo luogo, lontano dalle atmosfere solari tipicamente partenopee, si dischiude al lettore, lasciando una traccia indelebile.
Il libro appartiene alla collana #BizzarroBazar, curata da Ivan Cenzi che firma il testo, arricchito dagli ottimi scatti di Carlo Vannini, uno dei fotografi d'arte più apprezzati a livello nazionale. Arriva dopo quello dedicato alle Catacombe di Palermo e diventa una nuova occasione per conoscere i tesori celati del nostro paese.

martedì 12 maggio 2015

"Vino divino ovvero... la vera historia del Santo Bevitore", il "divino nettare" è in scena con Marco Paoli, martedì 19 maggio al Temple di Sassuolo

di Roberta De Tomi

Andrà in scena martedì 19 maggio, alle 21.30 al "Temple" di Sassuolo (Largo Bezzi, 4) lo spettacolo Vino divino ovvero... La vera historia del santo bevitore. In scena, l'attore-autore Marco Paoli, diretto dal regista Federico Vigorito, si districa in una performance in bilico tra il serio e il faceto, che si colloca nel contesto di una  serata di degustazione. Info e prenotazioni: 335/6648585

venerdì 8 maggio 2015

Lorenzo Carbone: la storia, la cultura Nipponica, l'Occidente e il fantastico confluiscono nella vicenda di "Vedrai Chi Sono"

di Roberta De Tomi

Dalle pubblicazioni di genere erotico, torniamo al fantastico con contaminazioni storiche e apocalittiche. Sto parlando di Vedrai Chi Sono (Youcanprinti) di Lorenzo Carbone. Dedicherò una recensione a questo romanzo in cui si avverte la mano dell'autore esordiente. Ma la carne al fuoco è tanta, e così anche la voglia di lasciare un segno tra i lettori, attingendo a diverse fonti. Tra anime, storia e cultura pop occidentale, Lorenzo non ha certo carenze di idee e di fantasia. Sullo stile, ammette i suoi difetti, a c'è tempo per crescere. Lo dice anche lui, senza troppi giri di parole, ma mostrando una determinazione e una voglia di fare veramente notevoli. 
La parola al nostro ospite, lasciandovi anche il booktraile che... vi dirà Lorenzo!

giovedì 7 maggio 2015

"Magnitudo apparente" partecipa ad #AutorePossibile,,, il voto in un click

di Words!

Nei due precedenti post abbiamo spinto sul pedale dell'eros. Non ce ne vogliate: nei prossimi giorni parleremo di altri generi e non solo. Nel frattempo, ecco questa novità... In questo libro si parla del terremoto che nel 2012 ha colpito l'Emilia. Si parla dei drammi personali di persone in cui tutti possiamo rispecchiarci. E si parla dell'amicizia speciale tra un quindicenne molto sveglio e una Neet con una particolare attitudine. E poi... di una donna che arriva dal passato. Il riferimento è a Magnitudo apparente (Lettere Animate) che partecipa al Contest #AutorePossibile. E scopri Il Libro Possibile.
Per votare, clicca qui

"Cinquanta sfumature di nero": Ana, Mr Grey, tra critiche femministe, romance e principi azzurri alla vaniglia

di Roberta De Tomi

E siamo arrivati al secondo libro della trilogia più chiacchierata degli ultimi anni, mentre si confermano le date di uscita del relativo fim (si parla del 2017) e del film tratto da Cinquanta sfumature di rosso (previsto a quanto pare nel 2018).  Rispetto al primo libro, qua scivoliamo nella narrazione routinaria. Sì perché, per Grey, Anastasia  non è un'amante o, sarebbe meglio dire, una Sottomessa come le altre che l'hanno precedeuta. Tra i due è scoccata la scintilla di un "amore senza fine", come cantavano Diana Ross e Lionel Richie. E con Cinquanta sfumature di nero scivoliamo nella dimensione zuccherina di una Cenerentola che vorrebbe non esserlo. Ma lo è... e qua, non sono mancate osservazioni da parte di critici attenti alla questione femminista... qualcos'altro di cui parlare, insomma! 

martedì 5 maggio 2015

"Sesso + ricette": quando la seduzione passa per la gola, stuzzicata con ironia da Elena Mandolini

Elena Mandolini, autrice di
"Sesso + ricette" (HOW2)
di Roberta De Tomi

MasterChef impazza, tanti si fanno prendere per la gola e... continua la fase d'oro dei libri dedicati alla cucina. Se poi la abbiniamo alla seduzione, i peccati aumentano! Ma attenzione sono peccati venali, perché in fondo, che male c'è se tra una forchettata e l'altra scatta una scintilla di (più o meno abilmente pianificata) attrazione? L'importante è che non sia fatale, ma sicuramente fatata, come ci racconta Elena Mandolini, autrice di Sesso + ricette= Come prenderlo per la gola - Manuale di cucina erotica (HOW2 Edizioni).

sabato 2 maggio 2015

Luca Marrucci: con "Credo di averlo sconfitto" ci rende protagonisti del romanzo definito il "Trainspotting" italiano

di Roberta De Tomi

Alcuni lo hanno definito il Trainspotting italiano: Credo di averlo sconfitto (Leucotea Edizioni), romanzo d'esordio di Luca Marrucci, narra le vicende di un giovane avvinto tra le spire della dipendenza da un acido che lo porta a rivivere parte della sua vita. Malgrado le apparenti affinità, la materia è decisamente lontana da quella trattata da Replay (Rupe Mutevole Edizioni) di Manuela Costanzo, e nemmeno  si tratta di una vicenda singolare. Il protagonista del romanzo di Marrucci vive dentro e fuori di sé la condizione di disagio di chi è in cerca di un proprio posto nel mondo. In lui possiamo ritrovare la condizione di giovani sradicati o disadattati, protagonisti di tante "vite letterarie", ma anche della reale vita quotidiana in cui si intrecciano complesse dinamiche sociali. Lascio spazio a Luca, che ha accettato di raccontarsi in questa intervista molto interessante.