martedì 27 ottobre 2015

Momo: il valore del tempo e la riscoperta della magia che è in noi, nel piccolo capolavoro di Michael Ende

di Roberta De Tomi

Per chi è avvezzo allo Show Don't Tell, Momo, più vicino al raccontato tipico della fiaba, potrebbe risultare un tantino ostico e noioso. Ma non si può negare questo: la penna di Michael Ende è magica. Ci trasporta in un mondo che, dal quotidiano, slitta nel fantastico, esattamente come avviene in quel capolavoro che è La storia Infinita, e lo fa con una leggerezza che ci disarma ma che al contempo, instilla in noi riflessioni sul tempo e sul consumismo.
Il romanzo di Michael Ende conferma la grandezza di un narratore capace di volare in alto, ma tenendo sempre i piedi ancorati al mondo da sempre bisognoso di quella fantasia che solo il battito di un cuore di bambino può alimentare,


Momo non ha l'ampio respiro de La storia infinita; ma sicuramente, ha numerosi punti di contatto con il romanzo più celebre di Michael Ende. Non soltanto per quella compenetrazione che si realizza tra la realtà e la fantasia, senza alcuna soluzione di continuità, ma anche per tutta una serie di richiami lampanti che ci riportano ad atmosfere uniche nel loro genere.

Momo è una bambina dalle origini sconosciute. Non ha genitori, abita da sola in un luogo chiamato "la rotonda", alla periferia della città, e ha una dote che la rende speciale: la capacità di ascolto. Proprio per questa sua qualità, la piccola ha molti amici. Ma qualcosa cambia rapidamente e tutto da quando compaiono dei misteriosi e inquietanti Signori Grigi: uomini identici tra loro, che metteranno a dura prova l'esistenza di Momo e degli amici. E da qua, inizia un'avventura piena di imprevisti e di sorprese.

Numerosi sono gli elementi di affinità con La storia infinita: oltre a una location urban che si compenetra alla dimensione più astratta della fantasia in cui la nostra protagonista compie un viaggio stupefacente, troviamo Cassiopea, quella tartaruga che ci rammenta la "gigantesca" Morla del più ampio romanzo dell'autore tedesco. Inoltre, come Bastian, anche Momo condivide, pur se in maniera differente, una condizione di Nerd ante-litteram. Per altre affinità... lasciamo a voi il compito di scoprirle!

Il valore del tempo, il suo rapporto con il consumismo e l'influenza che il consumismo ha sulle relazioni umane: sono questi i temi in evidenza che ci riportano in maniera lampante alla nostra epoca. Un'epoca in cui la crisi avrebbe dovuto essere l'occasione per una revisione dei modelli e degli stili di vita che, di fatto, non ha avuto alcuna realizzazione. In questo momento storico, caratterizzato da condizioni di disorientamento e di alienazione, leggere Momo diventa un'occasione per riflettere su di noi e sul rapporto che abbiamo con gli altri e con il mondo.

Pur essendo una fiaba e presentando lo schema tipico della fiaba teorizzato da Propp, Momo parla anche agli adulti. Certo, per i giovani e giovanissimi di oggi, abituati a stili narrativi più rapidi e cinematografici, Momo potrebbe risultare pesante, forse a tratti datato e dal ritmo lento. Tuttavia, la penna di Michael Ende "vince" grazie alla grazia con cui traccia percorsi ricchi di suggestioni e di simbolismi; ed è proprio la dimensione del simbolo, quella che tanta letteratura fantastica ha accantonato per favorire aspetti ed elementi più concreti, quella che completa il quadro della vicenda, arricchendo la trama di echi suggestivi, emozionanti ma sempre aperti al mondo e alle sue criticità.

La delineazione dei personaggi si lega allo sviluppo della vicenda; l'autore li tratteggia in maniera rapida, evitando descrizioni non necessarie. L'introspezione è sostituita dall'azione e dalle considerazioni che emergono nello sviluppo della vicenda. E ovviamente, c'è questa penna capace e abile che concretizza le fantasie di un autore straordinario. Michael Ende è uno dei migliori autori fantasy dei nostri tempi e non solo. In questo libro è un sognatore da cui apprendere lezioni di magia con la penna. La bacchetta la lasciamo alle fate Turchine e alle maghette degli Anime Anni Ottanta. Qua la magia è nel cuore di questa bambina, ed è la magia che dobbiamo ritrovare dentro di noi per vivere con pienezza. Senza paura.

L'autore: Michael Ende
Noto soprattutto per La Storia Infinita, Michael Ende (1929-1995) è assurto all'olimpo dei grandi prosatori fantastici, complici anche le versioni cinematografiche del suo capolavoro. Momo rappresenta la conferma del talento di questa penna immaginifica.

Scheda tecnica del libro
Momo
di Michael Ende
Genere: Fantastico
Casa Editrice: Sei
Prezzo: 12,50 €
ISBN: 9788805072385

Nessun commento:

Posta un commento