domenica 16 luglio 2017

Recensione: "Luce" di Rossana Lozzio

di Roberta De Tomi

Lei è una top-model di fama internazionale, alle prese con sfilate, servizi fotografici e una consistente eredità. Lui è uno chef pluristellato. In mezzo, c'è un segreto che vede coinvolta la protagonista di Luce, romance (che abbiamo presentato quiin cui l'autrice, Rossana Lozzio, intreccia una trama arricchita da eventi narrati con delicata semplicità e una spiccata sensibilità.
Il romanzo è il primo della The Light Diamond Series, una trilogia di cui attendiamo i prossimi volumi.
Nell'attesa, ecco la recensione di Luce.





La vicenda di Luce s'inscrive pienamente nel filone del romance: i sentimenti e la storia d'amore tra la top-model e lo chef, entrambi di successo, sono infatti in primo piano. L'amore è il motore dell'azione, nonché l'elemento da cui scaturiscono diverse situazioni. Il tutto è retto dalla penna dell'autrice, capace di intessere trame di emozioni dolci e profonde ma, al contempo, mature.

A proposito di trama. Cosa succede? Diamante è una modella e indossatrice di fama internazionale. Ha un segreto che ha sempre tenuto gelosamente nascosto, complici gli anni trascorsi in giro per il mondo; questo finché non eredita un Castello nella provincia emiliano-romagnola. Qui incontra il celebre chef Carlo Alberto. Dopo le prime iniziali ostilità, tra i due scoccherà una scintilla di attrazione, malvista da Christopher Damon Foster, ex di Diamante che lavora all'interno della struttura. A complicare le cose, un segreto che lega la top-model e Christopher, al punto da mettere in crisi i due neo-innamorati.

Il romance si colloca in un ambiente altolocato, ponendosi nel filone delle soap-opera in stile Beautiful. La struttura è quella tipica del genere e lo schema narrativo replica dinamiche ben rodate, che l'autrice rispetta, mettendoci però molta personalità e un tocco di sensibilità unita a idee ben sviluppate. La trama, infatti, si districa in un modo che, quando sembra che la soluzione sia arrivata, ecco che arriva un altro evento a sconvolgere le vite dei protagonisti. Non mancano, insomma, trovate e colpi di scena, conditi da diversi elementi contemporanei.

Il mondo della moda incontra quello della cucina, nel contesto di un Castello. Sono due elementi vincenti, nel quadro di una realtà più semplice, ovvero quella del paese di duecento anime in cui Diamante si trova catapultata. Lontana dalle scene scintillanti di una Parigi in festa, in un contesto di provincia che porta ad abbassare il tono e a dare un tocco di realismo alla storia, Diamante vive anche diverse crisi personali. L'autrice, quindi, non dipinge uno scenario traboccante champagne e mondanità, ma inscrive la situazione in un quadro che rende verosimile e credibile la vicenda, pur con qualche concessione (dovuta) a tinte rosa anche molto romantiche.

Un altro punto a favore della storia, va alla caratterizzazione dei personaggi, tutti dotati di una loro psicologia delineata e non soltanto funzionali al ruolo, come accade in molti romanzi. L'autrice dimostra un'attenzione al mondo delle emozioni che non scade mai nella banalità. Tocca corde intime e sa rendere molto bene le intime lacerazioni, mostrando il lato profondo di chi è avvezzo al successo e, per questo, sembra imbattibile. Rossana ci racconta l'amore tra le persone, piuttosto che quello tra i ruoli sociali (che hanno comunque una loro rilevanza).

Rossana Lozzio, l'autrice di "Luce"
In particolare, Diamante, con la sua bellezza, è di una fragilità disarmante. A volte ci si può chiedere se è possibile che una donna bellissima e di successo possa essere così fragile, ma la risposta è una. Diamante è un essere umano alle prese con se stessa e l'arrivo al Castello metterà in discussione le sue certezze.

Un altro personaggio di spicco e fondamentale per la protagonista, è Greta. Indossatrice, bellissima, ma anche giovane donna brillante che rappresenta l'amica ideale (non idealizzata). I lettori e le lettrici apprezzeranno questo personaggio che, come Diamante, mostra una semplicità e una saggezza disarmanti, malgrado il successo. Il tema dell'amicizia è fondamentale, in questo romanzo, e il ruolo di Greta lo dimostra.

Arriviamo quindi al personaggio di Carlo Alberto: un uomo di successo di cui, come per gli altri, l'autrice fa emergere soprattutto il lato umano. Ispirato al noto chef Carlo Cracco, per personalità e aspetto fisico, si tratta di un personaggio che potrebbe far innamorare parecchie lettrici. Non soltanto è un uomo di successo; Carlo Alberto è solido e forte, ma non esattamente il solito "Principe Azzurro". Anche per lui, i dubbi non mancano, a confermare che bello e un po' impossibile sì, ma pur sempre umano e non perfetto.

I momenti erotici sono raccontati con delicatezza, anche quando sono roventi. Il sesso condito da sentimenti forti, per Rossana è un danza romantica e lasciva, in cui emerge il rispetto e la forza della passione che corrode le resistenze.

Altra nota importante: la musica di Mango, grande amore dell'autrice, che con le sue sonorità mediterranee ben s'iscrive nel tessuto della narrazione, arricchendola di un ulteriore elemento.

La scrittura di Rossana, è fluida e tiene attaccati, complici trovate e colpi di scena che si ritrovano nei momenti cruciali. La scrittura accompagna il lettore nella vicenda, senza supponenza; non regala verità, ma si limita a raccontare ed è molto efficace e toccante quando descrive persone e sentimenti. La mano di Rossana entra nel cuore e nella mente con precisione e una sensibilità speciale. Soltanto in alcuni punti sembrano mancare dei collegamenti nei cambi di evento; inoltre qualche ripetizione di aggettivi avrebbe potuto essere evitata (ma è una scelta stilistica soggettiva), ma niente da pregiudicare una lettura piacevole, per un romance maturo, ben costruito ma fruibile da parte di un pubblico di tutte le età, soprattutto se appassionato al genere.

Per concludere  
Luce, romance di ambientazione altolocata, rispetta le regole del genere, ma si arricchisce di temi e personaggi dotati di una loro personalità, evitando di cadere nella trappola dello stereotipo. Una scrittura che scivola dalla pagina al cuore, solida, matura, semplice ed emozionale. Qualche inciampo formale non preclude la bellezza di questo lavoro, denso di avvenimenti. Ci si affeziona sicuramente al mondo di Diamante&CO. Se amate il genere, può essere una bella avventura, se non siete avvezzi e volete provare la lettura, lo consiglio.

Leggi la presentazione di Luce - Clicca qui


Nessun commento:

Posta un commento